3533 visitatori in 24 ore
 251 visitatori online adesso





destionegiorno
Stampa il tuo libro



carla vercelli

carla vercelli

Sono laureata in filosofia con indirizzo psicologico dal 1989.
Pittrice, poetessa, scrittrice, ho pubblicato:
"Il cielo ha il colore delle rose" (2012),
"Coglimi d’ineffabile Poesie d’Eros" (2014/2019),
"Cromistorie: vi racconto una fiaba colorata" (2014),
"Bello più di prima" (2015), ... (continua)


La sua poesia preferita:
Ragazza
Sono nei dossi sconosciuti della mente
negli accavallamenti del cuore
ove il respiro dell'anima tende
-comunque-
alle tonalità della speranza
e lo spirito è vento di novità.

Vicina a Dio
ne percepisco i palpiti
di gioia, di...  leggi...

Nell'albo d'oro:
Due usignoli
T’aspetto sin dall’aurora.
L’usignolo tende la notte
su un arco di melodia-

il buio rarefatto dal suo canto,
ad ogni...  leggi...

Guadando il fiume
-Guadiamo il fiume- mi proponi lieto.
Biciclette per mano, attraversiamo
tutto questo tempo, da greto a greto.

Il chiaro dì della vita solchiamo
fresca acqua amniotica che estremità
lambisce, con fiducia assecondiamo

in un’atavica serenità.
Non...  leggi...

Câblé n. 5
Mi hai già vista
in un teatro sul mare ad Ischia.
La solista cantava "Passione"
a piedi scalzi
e tu guardavi me
come fossi la donna del tuo destino.

In una fiaba di Andersen
ci siamo baciati
e in un quadro di Van Gogh
abbiamo passeggiato per le...  leggi...

Ma è da lontano
I tuoi scritti ho chiuso
pagine e pagine d’amore
la disamina di due vite
dapprima -e ancora- separate
all’insegna di ricordi, aspirazioni,
esperienze, passioni
e passione.

Non saprei in quale giorno
-ora disteso inchiostro
sulla pagina...  leggi...

Quattro passi oltre i cinquanta
Temevo la vulnerabilità del tempo
questo mare sconfinato che è riva a se stesso
ma il tempo oggettivamente misurabile
non è il mio tempo.

Virato il mezzo secolo
oltrepassato con quattro passi il guado
che immette, a proprio malgrado, nella...  leggi...

Le approssimazioni del cuore
Un circuito di pesci rossi
ha mille direzioni ma un’unica meta
-ritrovare in qualche modo il mare-

Sono dedali le approssimazioni del cuore:
si tergiversa sul corpo
e la mente crolla in rovinose cadute
verso una libertà ipotecata.

Nella...  leggi...

Nata da te
Sono nata da te
un giorno che non ho scelto
dallo spasmo del tuo sterno
al nostro primo bacio,
dalla ruvida tenera carezza del vasaio
sulla mia gota accesa di terra rosa
oltre l’insenatura dell’angelo,
oltre la collina dei melograni,
nel liquido...  leggi...

Periplo
Ti ho circumnavigato più volte
passando per gli stretti svariati
del tuo essere uomo
per me

Ogni volta era la sorpresa
della comprensione o dello slancio
o dell’autorevolezza o della perentoria
ma tenera gelosia.

Come un continente emerso
da...  leggi...

Certi amori
sono delle vie inesplorate
all’ombra di lampioni spenti
vicoli ciechi
con plurime uscite laterali
cunicoli dai selciati sconnessi
dai portoni scuri
in cui scambiarsi effusioni
che t’infradiciano
di voglie inesauste
sotto una pioggia...  leggi...

Regalami un interno di Vermeer
Regalami un interno di Vermeer
dove io sorrida e brindi
al nostro convegno senza principio
Bagni fiori e appresti deschi
con brocche d’argento su panni di broccato

Una gabbia vuota di cardellino

Ove ti sia modella e musica
un suono...  leggi...

Avec Paris
Bella donna Parigi!
Deliziosa e complicata
che non si concede subito

Seguir e corteggiar la devi
sui lunghi boulevard alberati
e fra i bistrot saturi
di giovani speranze

Ti perdi ad odorare crepes?
Lei indica rues inerpicate
tra colorati...  leggi...

Ho dipinto per anni
Ho dipinto per anni
nello studio tetro
o en plein air
luce scolpita o diffusa
colori sulla tavolozza
pennelli setosi di martora
seguivano immagini e pensieri
oltre la tela bianca
oltre il liquido odore del solvente
come un torrente che...  leggi...

Quello sguardo
Dei tuoi occhi color di un cielo terso
ricordo bene la luce e quello sguardo
diretto ad elargir sorrisi e carezze
a me bambina che da te pendevo

Non comprenderò mai abbastanza
delle tue mani operose e liete la costanza
per migliorare...  leggi...

Rosa selvatica
La luce di quel lampione
acceso a mezza sera
promette attimi umidi
dei tuoi respiri.

Sono qui che ti aspetto
tra le ansie del giorno
e la quiete della notte
per vivere ancora.

Arriverai tra breve
allegro come il sole
calmo come il...  leggi...

carla vercelli

carla vercelli
 Le sue poesie

La sua poesia preferita:
 
Ragazza (04/08/2015)

La prima poesia pubblicata:
 
L’attesa (12/04/2010)

L'ultima poesia pubblicata:
 
La rosa gialla (18/04/2021)

carla vercelli vi consiglia:
 Regalami un interno di Vermeer (11/04/2011)
 Guadando il fiume (12/07/2017)
 Se tu volessi scrivermi (24/02/2015)
 Gli ultimi fiori di campo (19/06/2013)
 Leziosa beatitudine (11/01/2018)

La poesia più letta:
 
Fresia (08/11/2010, 8542 letture)

carla vercelli ha 14 poesie nell'Albo d'oro.

Leggi la biografia di carla vercelli!

Leggi i 1305 commenti di carla vercelli


Leggi i racconti di carla vercelli

Le raccolte di poesie di carla vercelli

carla vercelli su Facebook


Autore del giorno
 il giorno 14/01/2020
 il giorno 14/01/2020
 il giorno 08/08/2019
 il giorno 11/06/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019
 il giorno 20/03/2019

Autore della settimana
 settimana dal 05/11/2018 al 11/11/2018.
 settimana dal 25/12/2017 al 31/12/2017.
 settimana dal 27/07/2015 al 02/08/2015.

carla vercelli
ti consiglia questi autori:
Francesco Fabris Manini
 Rita Stanzione
 Lia

Seguici su:



Cerca la poesia:



carla vercelli in rete:
Invia un messaggio privato a carla vercelli.


carla vercelli pubblica anche nei siti:

RimeScelte.com RimeScelte.com

ParoledelCuore.com ParoledelCuore.com

ErosPoesia.com ErosPoesia.com

DonneModerne.com DonneModerne.com

Aquilonefelice.it AquiloneFelice.it

PortfolioPoetico.com PortfolioPoetico.com




Pubblicità
eBook italiani a € 0,99: ebook pubblicati con la massima cura e messi in vendita con il prezzo minore possibile per renderli accessibile a tutti.
I Ching: consulta gratuitamente il millenario oracolo cinese.
Confessioni: trovare amicizia e amore, annunci e lettere.
Farmaci generici Guida contro le truffe sui farmaci generici.

Xenical per dimagrire in modo sicuro ed efficace.
Glossario informatico: sigle, acronimi e termini informatici, spiegati in modo semplice ma completo, per comprendere libri, manuali, libretti di istruzioni, riviste e recensioni.
Guida eBook: Guida agli eBook ed agli eBook reader. Caratteristiche tecniche, schede ed analisi

La scuola

Giallo e Thriller

"Oriella, ma ti vuoi sbrigare? Possibile che debba aspettarti sempre io? Siamo in ritardo, pauroso ritardo. It’s incredible, today too. Il primo giorno di scuola, il primo giorno del nuovo anno scolastico alla nostra scuola secondaria di primo grado, la nostra solita scuola dove lavoriamo da diciassette anni... e non vorrei essere licenziato io, professore d’inglese, perché accompagno la mia mogliettina, docente di disegno e storia dell’arte, la quale è sempre in ritardo... ma si salva, lei si salva, con quei sorrisi dolcissimi che elargisce a professori e preside... ma a me, darling, mi licenziano! Stavolta sì, prima di iniziare... Sei pronta?"
Henry trafficava con le sue scarpe da ginnastica, tirò forte un laccio e questo si ruppe. "Noooo, anche questa!"
"Cosa succede? Siamo nervosi stamattina! E che sarà mai? Ci penso io!" Apparve Oriella ancora in sottoveste dalla porta della stanza. "Non siamo in ritardo proprio per niente. Sono solo le otto. Ci mettiamo giusto cinque minuti ad arrivare alla scuola. Tre minuti ti sistemo le stringhe, due minuti mi trucco, un minuto mi vesto..." prese la scarpa di Henry dalle sue mani per sistemarla.
"Sì e zero minuti ci mettono a licenziarmi..."
"Qui a Sorrento è tutto molto fluido, soprattutto il primo giorno di scuola. Dovresti saperlo, abiti qui da vent’anni, da quando mi conosci, praticamente. Non hai imparato nulla di questa mentalità efficace della lentezza. Non siamo nella Quinta Strada a New- York. Siamo a Sorrento, rilassati. Ed è il primo giorno di scuola, non quello dello scrutinio o dell’esame di licenza. Ecco fatto," e gli porse la scarpa.
"Mentalità efficace della lentezza? What? Ma dove le trovi certe espressioni? Ecco perché ti ho sposato quindici anni fa! E anche per tutto il resto, naturalmente," le posò un bacio sulla bocca.
"Piuttosto, dimmi, a che ora pensi di aver finito? Oggi vorrei dipingere, finire il quadro che ho sul cavalletto e andare a Villa Fiorentino a vedere la mostra di Aligi Sassu. Da luglio ci dobbiamo andare ma col fatto che tu ti debba sempre abbronzare... " Oriella si girò verso la grande tela che campeggiava in un angolo del grande soggiorno. La luce del mattino, che arrivava da due ampi finestroni appaiati, modellava le figure ritratte nel quadro. Si trattava della rappresentazione di due maschere veneziane, tipiche del Carnevale. Maschio e femmina si capiva dai loro lineamenti, dalla statura più pronunciata di lui, dai loro vestiti e copricapi. Il colore prevalente era il rosso, soprattutto nell’ampio abito di lei che portava sopra la maschera un diadema vistoso di pietre preziose. Sullo sfondo, a sinistra s’intravedeva chiaramente delineato il Palazzo Ducale.
"Carissima, ma non hai l’orario provvisorio che abbiamo deciso insieme agli altri professori una settimana fa?"
"L’ho perso, ho altro di cui occuparmi, lo sai..."
"Ok, guarda caso ce l’ho io... " E si tirò fuori dalla tasca dei pantaloni un foglietto. "Allora tu oggi finisci alle dieci e io alle undici. Ma ti vai a vestire?"
"Bene, allora ti aspetto in sala professori, poi andiamo al Sciuè Sciuè, facciamo un brunch e poi direttamente a vedere Sassu. Chiude alle 13 la mostra, mi raccomando!"
"Come mi raccomando? Proprio tu mi parli di orari. Sì, agli ordini, darling, basta che ti muovi!"



L’istituto scolastico dominava con i suoi tre piani da una collinetta appena fuori dal centro storico di Sorrento. Oriella ed Henry arrivarono alle otto e trenta. C’erano una quarantina di alunni fuori, nel piazzale interno dell’edificio, circondato da tigli, le cui classi non erano state ancora assegnate. Henry si augurò che fossero i suoi alunni e quelli di Oriella. Non riusciva a capire bene se ci fosse nel gruppo qualcuno che conosceva. L’aria era piacevolmente tiepida in una giornata fantastica. Dagli archi che s’aprivano verso il parcheggio si scorgeva il mare, di un azzurro intenso sotto un cielo altrettanto azzurro, come succedeva spesso nelle giornate di settembre a Sorrento, mentre l’estate era deliziosamente umida e un pochino più fosca.
"Oh, professor Lester, signora Lester..." una donna intorno alla cinquantina dai civettuoli occhiali rossi, uno chignon alto e un vestito a fiori lilla si fece avanti dal gruppo di alunni e tese loro la mano. "Ho volutamente lasciato per ultime le vostre due classi della prima ora. Allora, terza C per lei, signor Lester e prima A per lei, professoressa Gargiulo. Non vi dispiacerà, spero, accompagnarli voi stessi nell’aula."
"Grazie, preside, scusi il ritardo," sorrise Oriella.
A quel punto Henry si guardò in giro. Ma certo! Come poteva non aver riconosciuto Leandro, Susanna, Tommaso, Antonina... Caspita, come erano cresciuti da giugno. Si sentì chiamare: "Ehy, prof how are you? Prof, prof, come sta?" La sua classe preferita, decisamente la sua classe preferita, forti e tenaci, fantasiosi e concreti. "Come state ragazzi?"
Oriella, che era rimasta un passo indietro, lo salutò con la mano e con un sorriso, mentre lui abbracciava i suoi ragazzi diretto all’entrata. Poi si apprestò a conoscere invece la sua, di classe. Aver a che fare con una prima non era cosa da poco. Bisognava rompere il ghiaccio, vedere poi sino a che punto erano arrivati da scuole primarie diverse, cercare inoltre di capire il carattere di ognuno, pregi, limiti, difetti. Ma per intanto era necessario presentarsi. "Ciao, sono Oriella Gargiulo, la vostra insegnante di Arte e Immagine. Andiamo in aula."
L’aula era al primo piano dell’istituto. Bisognava fare cinque scalini per accedere dapprima al lungo corridoio e poi alle cinque aule disposte lungo i lati. Oriella notò che una bambina zoppicava vistosamente. Era bruna, capelli ricci, un visino decisamente simpatico, rotondo, le guance rosse. Dimostrava meno della propria età, era piccola, fragile, un batuffolo.
"Aspetta, ti aiuto io," Oriella porse il braccio alla bimba. "Come ti chiami?"
La bambina sorrise a tutto tondo mostrando un apparecchio dei denti: "Diana, maestra, mi chiamo Diana."
"Non sono la tua maestra, sono uno dei tuoi professori. Gli altri li conoscerai dopo la mia ora."
Gli altri alunni le si affollarono contro. "Io mi chiamo Loris!". "Io sono Giulia!"...
"Va bene, ragazzi, andiamo a sederci e a fare l’appello." Sistemò Diana al primo banco e si accorse che nessuno si sedeva accanto a lei, nella gran confusione per cercare i posti. Allora chiamò Giulia, l’unica che conoscesse per nome. "Giulia, mettiti lì, accanto a Diana." Giulia era bionda, di statura media. Non oppose resistenza, nessuna domanda, solo il visetto un po’ imbronciato.
"Allora ragazzi, facciamo l’appello." Oriella prese un foglio coi nomi degli alunni che era affisso sulla cattedra e cominciò a leggere i cognomi e i nomi di battesimo dei bambini. Era un momento che le piaceva: memorizzare i nomi, i visetti, le figure, i posti dove erano seduti. Era sempre stata dotata di una grande memoria visiva. E questo pregio l’aveva spinta a scegliere dapprima il Liceo artistico che aveva frequentato a Sorrento e poi l’Accademia di Belle Arti di Napoli che aveva una sede distaccata nella cittadina. Il padre di Oriella, Antonino, era un intagliatore di tarsie antiche che esponeva e vendeva in un negozietto, in piazza Torquato Tasso, la piazza principale del borgo, al quale era annesso un piccolo laboratorio. Quindi l’arte Oriella ce l’aveva nel sangue. Si era ritrovata ad insegnare, dopo aver conosciuto Henry, perché le era sembrata una via sicura per potersi mantenere e, nello stesso tempo, continuare a dipingere. Ultimamente aveva venduto parecchi quadri, ai turisti che frequentavano il negozio di suo padre al quale lei affidava le sue tele. Dipingeva essenzialmente ad olio e ritraeva soggetti naturalistici, di folklore e paesaggi italiani, che affascinavano soprattutto gli stranieri.
I ragazzi si misero a ridere e a parlottare ad un cognome strano di un alunno. Succedeva quasi sempre. Questo nelle prime classi in cui gli alunni erano ancora dei bimbi propensi allo scherzo bonario e innocente. Nelle terze invece cambiava la solfa. Non si rideva più dei nomi degli altri, si denigravano pesantemente gli altri per difetti fisici (uno troppo grasso, l’altra anoressica...) o semplicemente perché non corrispondevano a canoni estetici sempre più rigidi e inflessibili dettati dai nuovi mezzi di comunicazione. Quasi tutti gli alunni a quell’età erano dotati di smartphone che portavano regolarmente in classe. Avevano una vita attiva sui social e si confrontavano con questa nuova realtà oltre che fra di loro. Inoltre a quella età, tredici, quattordici anni, gli ormoni cominciano a farsi sentire, soprattutto nelle ragazze, sempre più mature dei colleghi maschi, e quindi, coi primissimi amori, nascevano anche le prime dolorose, nefande scaramucce.
"Silenzio, su," Oriella riprese l’elenco. C’era chi rispondeva con una semplice alzata di mano, timidamente, chi con un Presente appena accennato, chi urlando... Oriella tentava di associare i nomi ai loro comportamenti. Più tardi in sala professori avrebbe letto le loro schede individuali pervenute dalle scuole elementari da cui provenivano ma voleva farsi da subito una prima personale impressione. Era convinta, da artista, che si può arrivare all’anima delle persone partendo dai sensi; utilizzare il senso più immediato, la vista, per definire la psicologia di un individuo. Non era questione di lasciarsi influenzare, o meglio sopraffare, dalle apparenze, ma di studiare il linguaggio non verbale, l’espressione, la postura, il gesto, più delle parole, per comprendere i ragazzi che aveva dinanzi.
L’appello si concluse. I ragazzi la fissarono. Due maschietti in fondo all’aula si stavano dando gomitate e spintoni e chiacchieravano a voce abbastanza alta. "Basta, laggiù," le sembrò di ricordare i loro nomi: "Cristian, Vincenzo..." Un ragazzino al secondo banco le chiese: "Perché cosa ho fatto?" Oriella sorrise: un nome l’aveva azzeccato, quello di Cristian, Vincenzo invece era quell’esserino arruffato di rosso e lentiggini che le aveva posto la domanda. I due in fondo si zittirono. Dario, ecco chi doveva essere quell’energumeno col maglione verde accanto a Cristian. Entrambi scurissimi di capelli e piazzati.
"Allora, come vi dicevo, io sono la vostra insegnante di Arte ed Immagine. Che disciplina è l’arte- immagine, c’è qualcuno che lo sa?"
Vincenzo alzò la mano. "Dimmi, Vincenzo," invitò Oriella. "Disegno..." replicò Vincenzo un po’ titubante.
"Bravo Vincenzo, ma non solo disegno, anche altre tecniche artistiche. Vi insegnerò, per esempio, la pittura ad acquerello. Magari qualcuno di voi la conosce già, vero Loris?" E si rivolse al bambino riccioluto del terzo banco, dato che annuiva e si agitava vistosamente. "Soprattutto volevo dirvi che Arte e Immagine si propone anche d’insegnarvi la storia dell’arte, cioè come si è evoluta, cambiata, trasformata l’arte nei secoli. E anche, in quest’ottica, si propone di educarvi alla visione e alla percezione del Bello, che c’è in gran parte nel nostro territorio italiano. Ma che cos’è il Bello, secondo voi?"
Molte mani si alzarono, fa cui quella di Diana... Il ghiaccio era rotto.



Oriella non riusciva a credere ai propri occhi mentre scorreva la scheda di Diana in sala professori al secondo piano dell’istituto. La sala era arredata austeramente coi dei mobili da ufficio alle pareti, un grande tavolo attorniato da sedie e un dispensatore automatico di bevande. Oriella alzò gli occhi da ciò che stava leggendo, si guardò in giro. Non c’era nessuno dei suoi colleghi con lei nella sala. Le lacrime le scendevano sulle guance: Diana aveva una malattia incurabile che probabilmente se la sarebbe portata via presto. Tutto è così ingiusto a questo mondo, pensò, una bambina di undici anni, di appena undici anni.
"Oriella, carissima, come stai?" si sentì chiamare animosamente.
"Oh, ciao Silvano, come ti va la vita? Ho appena concluso due ore con una prima classe," e si alzò per salutarlo.
"Sono arrivato in un momento inopportuno? Stavi piangendo? Sai, anch’io mi sono fatto due ore con una prima stamattina e sono sinceramente stravolto a far capire loro qualcosa. Poi la matematica, bleah, sinceramente disgustati erano... ah, fortunata tu che insegni arte, ma lo vuoi un caffè? Sempre più bella sei, ma fatti guardare, pure abbronzata? Non ho ancora visto Henry, gioca sempre a pallavolo?"
Oriella fissò l’amico e la tristezza per la sorte di Diana scomparve. Silvano era incravattato con una cravatta rossa sopra una camicia azzurra e sfoggiava un completo di lino verde scuro. Gli occhi azzurri spiccavano sotto una frangetta sbarazzina...

carla vercelli 19/01/2021 06:43 140

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.

I fatti ed i personaggi narrati in questa opera sono frutto di fantasia e non hanno alcuna relazione con persone o fatti reali.

SuccessivaPrecedente
Precedente di carla vercelli

Nota dell'autore:
«"La scuola" è un estratto del primo capitolo del mio romanzo "Non usare troppo rosso", giallo psicologico, uscito nel novembre 2020.
L’immagine allegata è opera dell’autrice, "Maschere a Venezia", olio su tela.
»

Commenti sul racconto Non vi sono commenti su questo racconto. Se vuoi, puoi scriverne uno.

Commenti sul racconto Avviso
Puoi scrivere un commento a questo racconto solamente se sei un utente registrato.
Se vuoi pubblicare racconti o commentarli, registrati.
Se sei già registrato, entra nel sito.

La bacheca del racconto:
Non ci sono messaggi in bacheca.


Vedi i racconti di carla vercelli:
nella categoria:
dell'anno:













Pubblicate i vostri lavori in un libro

Volete pubblicare un vostro libro, un libro vero? Su carta, con numero ISBN? Con la possibilità di ordinarne copie a prezzo ridotto per voi ed i vostri amici?
Facciamo un esempio: se avete un manoscritto su file doc, docx, odt o pdf già pronto secondo i formati e le impostazioni standard (vedi specifiche) ed un bozzetto di una copertina con immagine a 300dpi allora vi possiamo già fare un esempio del costo con il nostro servizio editoriale base:
Libro di 120 pagine in formato "6x9" (15,24x22,86 cm) in bianco e nero e copertina flessibile opaca a colori pubblicato con il nostro servizio base: 50 copie a 149 euro, 100 copie a 266 euro, 200 copie a 499 euro, comprensive di stampa, iva e spedizione.
Per informazioni cliccate qui.
Attenzione: non tutte le opere inviate verranno accettate per la pubblicazione, viene effettuata una selezione

Racconti

Amore
Ho sempre cercato amore
Ore di pausa
Tommy e lo spicchio di mare
Biografie e Diari
Ventitré dicembre
Giallo e Thriller
La scuola
Spiritualità
L'oratorio di Santa Zita

Poesie

Acrostici
Forse in un giorno troppo azzurro
Filantropo
Amicizia
La ninfa del Lys
Tu ed io
Le amiche
Sei andato via in un giorno di neve
Clorofilla
I nostri due uomini sono amici
Futuri
Via Margutta
Te la ricordi Lugano?
Legame
Prendiamo una notte
Arlecchino e la sua amica
Connubio
Promessa
Mater ridens
Amore
Pensami
Finché scriverò poesie d’amore
La prima volta che lo dicesti
Due usignoli
Tradurti
Ondivaghi
Rosenfranz
L’aedo di un annuncio
Segnatempo
Le more
Qui
Suggerimento
Come due bambini
Soprattutto
La tua voce è un campo arato
Una boule de neige
Mattino
Un giorno aprirò con intendimento
Lettera dal lago
L'aura
Poesia del non amore
La sottoveste rossa
Indimenticabile
Questo spazio dove ti tengo
Sei mio
Mi hai accarezzato per tutto il tempo
Ma è da lontano
Ho bisogno di un uomo romantico
Ribadiscono punti fermi e giocattoli
Fossi un Jurgen Scholz?
La sfida dei tuoi baci
Stupore di pigmenti
Scusa
Riepilogo
Missiva
Sbocciato dal caos
Ludico
Il nostro amore è filigrana di radici
Il recapito
Vorrei tu restassi
Ti lessi poeti una sera d’ottobre
L’amore ultimo
Da quali stelle?
Esecuzione
Serba per me
Caffè Florian
Amore
Il gatto
Aprile
Ma giurerei
Pensarti mio... miraggio
Il bagliore delle ninfee
Dirmelo
Ineludibile
D’improvviso e da sempre
Cronaca di un arrivederci
Parlami d’amore
Nostalgia
Ora anche settembre
L’estate ci sorprende
Mi rinnamoro invece
Meta amore
Canzone d'amore tra Carnevale e San Valentino
Dichiarazione (l’icona e il limite)
Reminiscenze d'acqua
Giocavo agli angeli
Tutte le estati
Effettivo
Cremisi d’alizarina permanente
Volevo fermare
L'amore che mi sai dare tu
Tu sei rimasto come il primo giorno
Notte di Capodanno
Una di quelle albe
Certi amori
E’ magico
Gocce di una storia d’amore
Retrospettiva
Certezze negate
Ripeti il mio nome
Non andare
Soliti noi
Induzione
Regalami un interno di Vermeer
Stanotte sto con te
Ponte di giunchiglie
Calycanthus
Come se
Riposati amore
Giorno di giugno
In amore
Serenata di dicembre
Amorino dormiente
Mi riconoscerai?
Isole
Abbandònati
Sommelier
I tuoi occhi
Greto
Il cammino
Io e te siamo
Eventualmente
Rosa selvatica
Piccolo canto
L’assenza
Tu sei sereno
Passeggiata d’amore
L’attesa
Brevi
Me stessa
Parlez moi d’amour
Maternità
Bosco
Scorcio di gioia
Filo di resa
Donne
La buona Duchessa
Nel frattempo rossetto e cioccolato
Mitezza
La ragazza selvatica
Poetessa
Tiarè
Controeclisse
Betelgeuse
La merlettaia
Il pegno
Peccato di gioia
Lunazione
Infinitesima
Terzo giorno di primavera
La bambina della notte
La settima stagione
Il vestito verde
Grembo
La rosa d’ombra e la sans par
Mitologica
La donna che legge
Climbing
Le spigolatrici
Diventerai respiro alle dipladenie
La lungimiranza del lampo
Definizione
Vissuto nel fuoco e scritto sull’acqua
La musicista
Resta
Non troppo virtuose sicuramente amabili
Bella da vivere
L’amante
Eclettica rosa del glamour
Post meridiem
Muliebri digressioni jazzistiche
Fiori d’immagine
Scarpe
Dea minore
Saskia
Dandy woman
Carissima
Essere Nusch
Il pregio del bianco
Defilata
Nereide
Verso il nord della penultima vita
Lou a Orta
Nelle sue stanze
Le donne di Boldini
Watteville
La donna di Czestochowa
Imponderabile
L’altro
Ragazza
Renoir
Blonde
Rosa antico
Fermaglio
Bambola (mimicry)
Lo studio dell’artista donna
Irrilevanza
Euphorbia pulcherrima
Flashforward
Violacciocche
Sai chi sei
Quando ti scrivo
Nata da te
Autentica
Il Carnevale è donna!
Corsia preferenziale
Zarina
Come un’ancella ritratta dal Ghirlandaio
Farfalla
Io sono quella
Volubile
L’antologica
Baia
Cammeo
Otto marzo, oggi più del solito
Un, due, tre
Lava
Erotismo
Non didascalica
Sentiero di neve e buio fremente
Vuoi più vera la notte
Jack di fiori
Malvasia rossa
Note di testa e di cuore
Rombo
Tra licenziose domande
Il morbido cuscino di cretonne
Paolina
Primule
Vermiglio
Ansa di fiume
Ed io
Coglimi d’ineffabile
Amarti
Erotic Kandinsky
Cuore mio
Ermellino
Sorgiva voce della luna
Tenera Erinni
Fresia
Famiglia
Caran d’Ache
Zm
Vestivi di nero
Iris, possibilmente bianchi
Concerto
Pesce gatto
Il viale
Piccole grandi domande
Sicurezze
Voglio parlarti, o sera
La carezza della luna
Quello sguardo
A mia madre
Fantasia
Mi soffermerei sul penultimo capitolo
Eppure questa pioggia fa tornare
Gli imprevisti
Gli amanti in ambra
Disgiunzioni
L’età infedele
La melagrana
Inno al verso
Tracce di chinotto
Barattiamo poesie
Seppur atteri
La finestra
Come l’estate incerta
Metamorfosi all’incontro
La mia musa è ganza
Intesa col lupo
Promemoria di desideri
Il quadro storto
Goccia di mare
Gerarchie d’autunno
Tuttora
Fleurs et chaise longue
Cerchi di luce
I’m calling you from New York
Lince
Kitsch or chic?
Sogno di una driade moderna
Oltre gli orizzonti notturni
Palladio
La donna del poeta
Cote d’azur
Il mio lago
Luna frangibile
Cézanne
Tempo
Festivita'
Quale Natale diverso?
Prenatalizia
Fuochi d’artificio
Un bacio davanti al presepe
Tra gli addobbi
Vi penso sempre
Messa di mezzanotte
Giorni perfetti
Natale con la nebbia
Un Ferragosto
Il mio, il tuo Natale
Fiabe
Luna di giorno
In un infuocato campo di grano
Le maniche
Sakura
L’usignolo malato
Il cagnolino di Gesù
L’agenda scarlatta e il cuoricino d’argento
Fiaba di Natale
Un carillon
Il ragazzo dalla mascella volitiva
Il gatto nero
Haiku
Tanka 1
Eremo sul lago
Eterni
Scorci d’azzurro
Occhi intenti
Gli amanti
Giorno d’estate
Annotta
Impressioni
Impressione
Violette
Il dardo
Rimane, delle terre attraversate
Indicazioni e posologia
Le scale di Noto
Già giugno
Quaranta baci
Il sollievo
Canto di gatti e nuvole raminghe
Sei meglio di un accordo di Santana
Rosso primula
Di te Trieste
Qualcosa di fatato
Murrina
Ortigia
Trasfonde il labbro voluttà e amore
Fra profumi remoti e di pesca
Lungo l’Adda
Il Capodanno ci troverà impreparati
Visita al cortile di Giulietta
Madrilenian autumn
Richiamo dell’Eden
Giochi d’acqua
Fucsia
Trento -Adunata alpina della Pace
Le pont en rose
Dispersi su altre onde
Il colore dei pappagalli
Il giorno incombe
Vicinanze
Quando mi doni le giunchiglie gialle
Intorno a Piacenza
Una canzone
Tratteggio e dicitura
Sulle orme
Cachepot
Pavia
Io canto verde
Mare a marzo
L’isola prima della neve
Le azalee e il mare
Rossa come l’acqua
Alba
Luci di posizione
Mai così sacra
La visita dello scricciolo
Limitrofi
Fine settembre
Esordiente
Girasoli sul balcone
Acqua 8
Bergamo
Candore
I gatti di Roma
Ode alla bicicletta
Che sarà di questi giorni felici?
Constable
Castell’Arquato
The cat is on the table
Ti cammino dentro
Ovali
Un arcobaleno a novembre
Gaia
Di getto
Gargouilles
Evening
Prima di ritirare le piante
Una sera in Plaza de Espana
Fa diesis
Ortensie e falesie
Per un solo attimo di realtà
Stagni
L’ultimo mese dell’estate
La casa abbandonata
Sconosciuto
Trasale l’onda
Ritorno a Camogli
Persino oggi
Di luglio e altre intemperanze
Rifiniture
Nizzarda
Non c’è da stupirsi al passaggio di Cupido
Muscari
Ricordo di Aigues Mortes
Saggi di primavera nel paese morente
Cara luna di febbraio
Salmodia profana
Sogno di te
Isola Madre
Lamellule
Barrio de Santa Cruz
Tortore
Treviso
In dicembre biancheggiano poesie
StraCremona
Dal secrétaire del vento
Oltre i girasoli
Le nostre begonie
Bello più di prima
Non si direbbe l’oceano
Ogni tanto Milano
Tre coccinelle sul davanzale
A volte i lungosenna parigini
Neve a Torino
Sul lago una giornata festiva
La città degli amanti innamorati
L’agave
Marina
Jardin du Luxembourg
Non ti prometto niente
Sorsata di menta
La vecchia torre
Segnalibri
Mantova skyline
Tergicristallo
Nebbia
Non c'è spazio
Tu con me a Sorrento
La Luna Nuova di Settembre
La lavanda dell’abbazia
Tellaro
Ricetta per una natura morta d’inizio estate
Sere di maggio
La scaletta rossa
Cliffs of Moher
Potessi essere un cirro
Contrasto freddo
Orchidea e anice
Still life
Ho dipinto per anni
Il puledrino
Gli amori che iniziano
Sera davanti al mare
Se fossi già
Flash
La sera
Introspezione
Questa primavera
Camouflage
Le barche gialle
Scrivo per dimenticarmi
Preferisco che tu venga a prendermi
Coincidenze
Self- portrait
Le margherite
Silenzio cosmico
Presso l’acqua
Il cucciolo
Come le volpi
Pieghe di ciniglia
Phalaenopsis
Polvere di sole
Quando il tempo era tinto di stupore
Leziosa beatitudine
Viva, come una giornata di vento
Genova
Denominazione non controllata
Câblé n. 5
Grafite
Quesito
Duemila e anche di più
Sono quello che ricordo
Sempre
Solstizio d'inverno
Quattro passi oltre i cinquanta
In fieri
Muro di gelsomini
Blue orchidea
Gli occhi di Lana
Io non mi manco (la mia contraddittoria anima decadente)
Il tempo che non c'è
Con titolo
La consistenza del voile
Intrinseca
Ti ho mai detto di quella allegria
Lana di vetro
Il terrazzo
Frammento di un rimpianto
Nervature
Deserto
Altera
Giorni blu
Morte
Kylemore Abbey
Acanto
Undici anni
Mattino di nebbia dopo l’ennesima strage
Natura
Neve a marzo
Velluto
Ciclamini selvatici
Outfit
Last minute
Gemma del vento brilla Filicudi
Trama d’azzurro il cielo sui covoni
Robinia afrodisiaca robinia
Natura
L’usignolo e la stella
Proprio in quella linea
Glauca la sera di novembre
Lago di Braies
Sillabari
Le Odle
Micro
Isola di San Giulio
Fiordalisi
Le felci
Dove castagne cogliere solevi
Ritrovarti, autunno
Hibiscus
I cerbiatti
Temporali di maggio
Scelta del torbido
In sanscrito
Pettazzurro
Rovere
Corni di Nibbio
Violento temporale estivo
L’albicocco e la notte
Il ponticello bianco
Salita invernale
Chiesa di collina
Gli ultimi fiori di campo
Radura
La piccola betulla
Il cielo ha il colore delle rose
Il nome del mare
Delle cascate la meraviglia
Grotte
Giardino d'autunno
Tre cime
Ribellione
Patria?
Beneficio del dubbio
Take away
La proprietà delle lacrime
Fiori di cardo
Provocatoria
Le approssimazioni del cuore
Non usare la parola pazienza
Graffito
Riflessioni
Silice
L’arancione
Vulnus
Prologhi d’autunno
Incantesimo occidentale
L’attenuante
A qué hora empieza el primer amor?
Esotico (la differenza affine)
Notturna al Santiago Bernabéu
Materia prima
Filigrane di betulle, simposi
Siepi
Crescendo
Creatura
Non sposare i poeti
Ritratti o delle cose invisibili
Però quant’è vago il lago d’inverno
Le parole devono respirare
Ritornando dall’agility dog
Il Tu poetico
La notte d’eclissi interminabile
Ricordati d’accendere le luci
Quando il meriggio al fondo del silenzio
Endorfine o delle cose felici
Entropia d’amore
Lo specchio del risveglio
Il pontile
L’inciso e i lillà
Il tamburello
Bambini del dolore
Non ho mai cantato la pioggia serena
Ore nove e tredici
Complementarietà
Guadando il fiume
Natura morta su un crinale d’ombra
Inerente
Sulle rive
Piazza di Spagna
Departures
Salvaguardia
La vocazione al disordine
Empatie d’inoltrato autunno
Sintra
L’affresco
È dei poeti
Evasioni
Dell’ozio e di altre virtù
Dipladenia e blues
Capriccio
Cenni di tango
D’ora in poi
Ritengo un bene
La volpe e la parola
Lusso
Come aironi su sfondo della notte
Crittogramma
Minuzie
La penombra e il dubbio
Eilat
Gioviale
Fare poesia
Piccolezze
Se tu volessi scrivermi
L’aria oltre il varco dell’inverno
Haendel
Viaggi
Mixage di vanitas e veritas
Miniature
Contemplazione
Immagine
Dehors
Puerizia
Optical
I bambini di Rubens
Il gesto
Langarolo
Vi fu un’età
Siamo vetrate
Errori
Mai come adesso
Il bicchiere d’argento
Infanzia
Equilibrio Baschenis
Felicità delle piccole cose d’ottimo gusto
Balthus (Il pittore e la modella)
Vorrei esserti stata poesia
Pagine
Tanzio
Bruma
Unione
La battaglia
Satira
Indispensabile
Tutti pazzi per la neve
Sapiente candeggio
Talvolta in flashback sottintesi
Gli oleandri
Sociale
Un ragazzo come noi
La sponda irraggiungibile
E quindi uscimmo a riveder le stelle
Tisana alla liquirizia
Confine orientale
Romanico
È comando di angeli
Terre inaffidabili
Voragine al colle dell’Infinito
Expo 2015
Pescatore delle isole Aran
Senghor
L’oltranza dei bucaneve
Tahir
Anelito
Spirituali
Leggerissima neve che ti degni
Il posto dei fiordalisi
In raggio venato d’incenso
Gratuità
L’angioletto addolorato
Il Cristo di Dalì
Luoghi sopra le righe
Etere
Il ristoro dell’angelo
Rinnegato e amato
L’Angelus
Anche
Uomini
Infatti
Cravatte
Inscindibile
Chiaroscuro
Dioniso
Vaghezza
La casa di Elio Vittorini
Seduto sul tarassaco
Aura d’artista
Il poeta di Ragusa Ibla
Leggo e mi piaci
Cantaor
Nati d’aprile
Delle tue mani
Borsalino
Parlava da un pulpito d’alberi
Soffio
Terra di nessuno
The next again
Ti farò un ritratto
Love algoritmo
Installazioni
Cervino
Di te potrei anche innamorarmi
La paura del ghepardo
Fratelli (la grande guerra)
Passepartout
Ritratto di gentiluomo
Periplo
Giovane amante
Mondrian
Remedius
Sei raro
Vacanze
Sonetto a Chioggia
Siracusa- Nozze di perla
Prato alla Drava
Modena
Ravello
Rosengarten
Furore
Il cielo di Madrid
Chiese sul mare
Killarney
Palermo toujours
Sciliar
Crepuscolo d’isola
Ti ho già vissuto Varsavia
Neuschwanstein
Flowers in Dublin
Arrivai a Cordova
Suggestioni di Ustica
Venezia tra le rose
Salzburg
Dai Lauves la Sainte Victoire
Fashion Positano
Prodigi, a Cracovia
Roma by day
Connemara
Luce d’Alhambra
L’eleganza di Klagenfurt
Avec Paris
Indicibile Vienna
Napule the
Camargue
Caldo Siviglia

Premio Scrivere 2016
Gratuità L’Anno Santo della Misericordia (Spirituale) (Spirituale)


Accordo/regolamento che regola la pubblicazione sul sito
Le domande più frequenti sulle poesie, i commenti, la redazione...
Guida all'abbinamento di audio o video alle poesie
Pubblicare un libro di poesie
Legge sul Diritto d'autore (633/41) - Domande e risposte sul Diritto d'autore
Se vuoi mandarci suggerimenti, commenti, reclami o richieste: .
Inserite la vostra pubblicità su questo sito: https://adwords.google.com/cues/7505CA70FA846F4C06E88F45546C45D6.cache.png

Copyright © 2021 Scrivere.info Scrivere.info Erospoesia.com Paroledelcuore.com Poesianuova.com Rimescelte.com DonneModerne.com AquiloneFelice.it